Expo 2015 e Parco Balossa. La valorizzazione dei parchi milanesi

Sono giunti i nuovi finanziamenti per i parchi regionali lombardi, tra cui il Parco della Balossa. Si parla di otto milioni di finanziamento, allo scopo di intervenire per la tutela e la promozione degli enti parco lombardi, in vista dell'EXPO del prossimo anno. A comunicare questa iniziativa è stata Claudia Maria Terzi, assessore allo sviluppo della regione Lombardia. Questi finanziamenti non hanno alcuna correlazione con quelli recuperati tramite la tassazione nazionale dei portali sul gioco d'azzardo, come machineslotonline.it e affini.

I diversi provvedimenti, ha sottolineato la Terzi, hanno come scopo principale quello di salvaguardare e promuovere tutti i parchi presenti in Lombardia, tra cui i PLIS, i parchi locali di interesse sovracomunale, fra i quali rientrano il Parco della Balossa, il Parco delle Groane, e il Parco Nord. Questa iniziativa è stata varata in occasione della manifestazione espositiva del prossimo anno, allo scopo di incentivare i visitatori a fruire delle aree verdi regionali, ma anche per via di tutte quelle iniziative legate allo sviluppo eco sostenibile e della tutela ambientale, le quali saranno parte integrante della rassegna del 2015. Si tratta di iniziative che vanno a collocarsi in modo mirato all'interno di quella cornice in cui rientrano anche le tematiche legate alla biodiversità, all'utilizzo di infrastrutture caratterizzate dal basso consumo ecologico, e alla istituzione di reti ecologiche, fra aree verdi, adeguate. Claudia Maria Terzi ha evidenziato come questa iniziativa si collochi all'interno di un piano generale di salvaguardia e tutela tramite elementi importanti per quanto concerne l'ambito pubblicitario, come volantini e mezzi legati alle nuove tecnologie informatiche, i quali consentiranno ai visitatori e ai turisti di prendere piena conoscenza dell'ampio capitale ambientale presente in Lombardia, e concernente non unicamente gli enti parco, i PLIS, e le aree verdi, ma anche le strutture architettoniche di valore storico e artistico, memorie di uno scenario agreste il quale rappresenta l'identità culturale di Milano, e dell'intera regione lombarda. La Terzi ha dichiarato inoltre che la totalità delle iniziative saranno realizzate in partnership con gli enti finanziatori dell'esposizione milanese, e che che i vari eventi legati ai parchi milanesi e lombardi saranno istituiti tenendo conto del progetto d'insieme, quindi del tema principale della rassegna, concernente la sostenibilità, e in particolar modo legato al cibo a chilometri zero, una delle nuove sfide presenti all'interno del progetto generale sulla ecologia cittadina e rurale. Determinate iniziative saranno capaci di invitare gli utenti e i turisti a usufruire di quelle che sono le peculiarità ambientali della regione, concentrandosi in modo particolare sulle aree verdi adibite a parco, le quali rappresentano una percentuale significativa del territorio regionale. Si parla di iniziative votate alla piena valorizzazione del tessuto verde della Regione, il quale rappresenta sempre di più una risorsa di fondamentale importanza per il futuro di cittadini e istituzioni. Queste manovre vogliono essere inoltre una risposta a tutti quegli operatori politici e amministrativi i quali credono che non ci sia la possibilità di mantenere viva la porzione verde regionale, a causa dell'avanzare delle soluzioni antropiche architettoniche più ardite, quando invece le ultime politiche varate dagli enti regionali vanno nella direzione di una tutela dell'ambiente naturale, e di una mitigazione di tali pratiche. L'assessore ha terminato l'intervento sottolineando come la totalità delle aree verdi adibite a parco, fra cui il Balossa, saranno valorizzate nel modo più adeguato, a secondo della diversa specificità di queste ultime.